Vivere una vita multilingue -- Parte II: La storia di Gabriella

Ancora una volta, è il momento di parlare con persone multilingue. Oggi Gabriella ci racconta qualcosa della sua vita italo-tedesca.

Read this article in: Deutsch, English, Français, Italiano

Estimated reading time:8minutes

"Non riesco a parlare il dialetto calabrese"

Gabriella (nome è stato cambiato) è una piccola donna vivace con riccioli scuri e pelle chiara che è immediatamente simpatica. È nata nel sud della Germania nel 1992, la prima figlia di genitori calabresi venuti in Germania nel 1988. Vive ancora nelle vicinanze e lavora come redattrice per un giornale settimanale. "Sono nata in Germania e probabilmente morirò lì.  Ma me la prendo comoda", dice, "ma nella prima infanzia ho imparato solo l'italiano. Soltanto all'asilo ho aggiunto il tedesco". Continua dicendo che i suoi genitori hanno prima cercato di parlare l'italiano standard, ma poi alla fine hanno continuato a parlare il loro dialetto calabrese. "Questo, tuttavia, non riesco a parlarlo. Conosco solo l'italiano standard". La nostra conversazione è vivace, ridiamo e scherziamo molto. Poi Gabriella continua: "Nel frattempo, a casa parlo molto tedesco. Mio padre mi parla in italiano o in calabrese, ma io rispondo in tedesco. Parlo anche tedesco con mia madre e mio fratello. Anche mio fratello lo gestisce in questo modo. Mia madre conosce molto bene il tedesco. Ha vissuto in Germania per qualche tempo quando era giovane, perché suo padre è venuto qui come Gastarbeiter (lavoratore ospite). Anche uno dei miei zii nato in Germania in quel periodo. Mio padre, invece, non conosceva il tedesco quando è arrivato. Sul lavoro aveva molti contatti con gli italiani e parlava molto l'italiano. Non ha mai frequentato un corso di tedesco. L'ha imparato sul lavoro".

"Le mie lingue madri sono il tedesco e l'italiano"

Gabriella spiega che ha frequentato prima la scuola elementare locale, poi più tardi una scuola secondaria e poi anche un liceo della regione. "Le lezioni a scuola erano in tedesco. Ma ci è stato offerto di prendere lezioni di italiano per due pomeriggi nelle sale della scuola elementare. Lì ho anche imparato a conoscere meglio la lingua scritta italiana. Ho approfittato di questa offerta fino alla quinta elementare compresa. Dopo di che ho avuto tante lezioni regolari nel pomeriggio, che si sono sempre sovrapposte al corso di italiano. Così non ho più potuto proseguire con le lezioni. Se avessi continuato le lezioni fino al diploma, avrei ottenuto anche un certificato". Parliamo delle crescenti lezioni pomeridiane in tutta la società, alcune delle quali ora si svolgono nelle scuole elementari. Non sa se la disponibilità di classi di italiano sia cambiata. Lei è grata che sia esistita all'epoca e che abbia potuto approfittarne, almeno per un periodo. Tuttavia, il suo linguaggio educativo è chiaramente tedesco. Era anche la lingua che le interessava di più. Anche durante i suoi studi di linguistica, era più interessata al tedesco che all'italiano. La maggior parte dei seminari sono stati tenuti in tedesco. La letteratura era in inglese e Gabriella pensa che l'inglese come lingua dell'educativa sia arrivato ad un certo punto. Ma soprattutto, dice, era il tedesco. Sogna anche in questa lingua. 

Quando chiedo a Gabriella se le piace il termine "lingua madre" o piuttosto preferisce i termini lingua A.,B., ..., lei risponde che le piace il termine "lingua madre". Quando le si chiede la sua lingua madre, risponde sempre che è tedesca e italiana.  Quando le chiedo in quale lingua si rivolgerebbe spontaneamente ai bambini piccoli o agli animali, risponde come un colpo di pistola: "Tedesco". Poi pensa: "Se fossi in Italia, probabilmente sarebbe italiano. Ma ai bambini non importa che lingua parlo. Quindi più tedesco, dopo tutto".

"A volte diventavo matta chiedendomi se l'ortografia fosse spagnola o italiana" 

Continuiamo la nostra conversazione. Gabriella mi dice che ha imparato l'inglese e lo spagnolo a scuola. Lo spagnolo per lei era facile. Ha capito quasi tutto subito. Tuttavia, soprattutto quando scriveva, lo confondeva con l'italiano. "Prendete la parola famiglia, per esempio. In italiano si scrive con la g, in spagnolo senza. A volte diventavo matta chiedendomi se l'ortografia fosse spagnola o italiana".

"Mi piace inventare parole in tedesco"

Come nella conversazione con A., le parlo dell'autrice multilingue che immagina le singole lingue come stanze di cui può aprire o chiudere le porte in misura diversa, a secondo della misura in cui le lingue devono influenzarsi a vicenda. Chiedo a Gabriella se può farci qualcosa con questa immagine, o se ha un'idea completamente diversa di essa. Le piace questa idea, ma pensa anche che nella sua mente le stanze sono aperte e non hanno porte. "Succede spesso che ho solo una parola tedesca o solo una parola italiana a portata di mano. A casa non è un problema, ma le persone intorno a me che conoscono solo una delle due lingue si confondono di tanto in tanto". Sorridiamo e le chiedo in quale lingua preferisce imprecare. Gabriella mi risponde prontamente: "Italiano È meglio bestemmiare in italiano. Ma d'altra parte, mi piace inventare parole in tedesco. Per esempio, mi piace dire 'Fischkopf' quando sono arrabbiata con qualcuno. Questo funziona meglio in tedesco". Si può dire che il tedesco è la lingua con cui Gabriella è più creativa. Ha anche a che fare con il tedesco nella sua vita professionale. È una redattrice e quindi anche un'acrobata della parola. "Ogni tanto, però, ho delle difficoltà con i generi. In italiano non esiste il neutro. Uso spesso der anziché das in tedesco. Quindi può capitare que dico 'der Schwein' invece di 'das Schwein' (il maiale). Il mio collega mi prende sempre in giro per questo".

Chiedo a Gabriella se a volte le mancano espressioni che esistono solo in una lingua. "Sì", risponde lei dopo averci pensato per un po'. "Mi manca l'espressione "uffa" in tedesco, che si usa in italiano per esprimere fastidio. Potrebbe tradursi come 'oh man'". Nota inoltre che le mancano i termini in italiano, soprattutto se non sono nel suo campo di interesse. "I termini della flora e della fauna sono esempi di termini che mi mancano. Ma non li conosco bene neanche in tedesco". Tuttavia, continua a cercare di istruirsi in italiano. Legge i giornali in italiano, ascolta la musica italiana, guarda i telegiornali italiani. Parla anche regolarmente al telefono con i suoi parenti in Italia, che parlano solo italiano.

La lingua et la sua identità

Gabriella non ha ancora figli. Ma se un giorno ne avesse, vorrebbe trasmettere loro l'italiano. "Ha anche qualcosa a che fare con il luogo di provenienza. L'italiano fa parte della mia identità e quindi dell'identità dei miei figli. È naturale per me trasmetterlo". Se ci sono anche offerte sotto forma di corsi d'italiano o altre formazioni sulla lingua e la cultura italiana, vorrebbe incoraggiare i suoi figli ad approfittarne. 

Chiedo anche a Gabriella quali altre lingue ha imparato durante i suoi studi e se potrebbe immaginare di imparare altre lingue: "Ho imparato il basco, il sanscrito e l'arabo durante i miei studi", risponde. Mi è piaciuta molto la scrittura, così come il fatto che scrivi da destra a sinistra. Sono mancina e per la prima volta nella mia vita non ho sbavato nulla nel processo. Anche l'inventario dei fonemi era molto speciale. Non sempre ho trovato facile pronunciare i suoni palatali e gutturali. In generale, però, ho trovato i corsi dell’università un po’ scarso. Non si imparava molto, ma erano comunque un sacco di lavoro. C'erano anche pochi seminari nella rispettiva lingua. È stato un peccato, perché come linguista hai molto a che fare con la lingua... Ho anche fatto un corso di portoghese all'università. Vorrei approfondire questa lingua. Come lingua romanza, il portoghese è simile allo spagnolo e all'italiano, ma penso che sia meno simile alle due lingue di quanto lo spagnolo e l'italiano lo siano tra loro. Lo trovo molto intrigante. D’altro canto non riesco a pronunciare molto bene le vocali nasali. Mi piacerebbe anche imparare il mandarino, se non altro per poter imparare la struttura di un'altra lingua". Io e Gabriella continuiamo la nostra conversazione. Parliamo dei dialetti arabi, alcuni dei quali sono così diversi, e alla fine le dico che forse il maltese, come lingua semitica con molte influenze italiane, potrebbe essere qualcosa per lei. Non lo sapeva e pensa di poter dare un'occhiata.

Apprendre una lingua per la communicazione interculturale

Posso comprendere molto bene Gabriella e infine le chiedo se si aspetta qualcosa da parte della politica o della società per se stessa, per la sua famiglia, per il suo ambiente sociale o anche per la società nel suo insieme riguardo al multilinguismo o alla sua promozione. La sua risposta è lunga e dettagliata. "Sì", dice, "desidero molto in questo senso. Ho avuto comunque la fortuna di avere l'opportunità di sviluppare il mio italiano attraverso lezioni di doposcuola. Mi piacerebbe vedere qualcosa di simile offerto ovunque e per diverse lingue. Sarebbe opportuno che il comune vedesse in quali lingue c'è più bisogno. Inoltre, i corsi dovrebbero essere accessibili gratuitamente a tutti i bambini che vogliono imparare la lingua. Non solo per le rispettive minoranze. Questo favorirebbe certamente la comprensione reciproca". Poi aggiunge: "Dopo tutto, ho un nome di battesimo che non suona molto tedesco e spesso devo spiegare perché mi chiamo così". Di tanto in tanto sento anche frasi come "per essere una italiana sei pallida", che in certo senso può essere anche interpretato come razzismo. Oltre a questo, il mio nome è costantemente preso in giro. Ho la pelle dura, ma di certo non sarà così per tutti*tutte. Ecco perché bisogna promuovere le lingue degli immigrati*delle immigrante". Parliamo ulteriormente, arrivando all'idea che i servizi giornalistici e le notizie dei media statali tedeschi dovrebbero essere tradotti anche nelle rispettive lingue delle minoranze, sia alloctone che autoctone. Dipingiamo un quadro di tolleranza e umanità e vogliamo entrare in un dialogo multilingue e interculturale. 

 

#alugha

#everyoneslanguage

#doitmultilingual

 

Fonte dell'immagine: Annie Spratt via Unsplash

More articles by this producer

Multilingualism in the cultural sector

In times of lockdown, we noticed that without culture it would be quiet, and we are all pleased that cultural institutions open again. But what about multilingualism in this field? And what does a platform like alugha have to do with it? You will find out in the article.

Into the election campaign with podcasts

On 26 September, the election for the German Bundestag will take place. This year, the election campaign is more digital than ever. And although podcasts have played a rather minor role, this format has a lot to offer. You can find out about that and what alugha has to do with it here.