Vivere una vita multilingue -- Parte 1: Intervista con A.

Mi interessa sapere com'è una vita quotidiana multilingue. Così ne ho parlato con A.

Read this article in: Deutsch, English, Français, Italiano

Estimated reading time:6minutes

Parlo molto sopra il multilinguismo persone multilingue. Ma ora volevo parlare CON persone multilingue e mi interessa com'è una vita multilingue. Così ho parlato con varie persone diverse. Comincio a presentarvi A. Il talentuoso pianista non professionista è nato a Mosca nel 1992 dove è rimasto fino alla fine del suo primo anno di scuola. All'età di otto anni venne in Germania, dove fu nuovamente iscritto alla scuola. Dopo il suo bachillerato ha studiato matematica e vive adesso in Austria con la sua ragazza bielorussa.

Buongiorno, A. Racconta ai nostri lettori: alle nostre lettore qualcosa su di te. Sei nato a Mosca…

Sì, e all’età di otto anni sono arrivato in Germania dove sono andato alla primera classe della scuola.

Ma prima del tuo arrivo eri monolingue?

Sì, i miei genitori hanno solo parlato russo. Ho imparato tedesco in Germania.

Ma hai imparato rapidamente…

Dopo un anno e mezzo non avevo più problemi con la lingua tedesca.

E poi hai saltato un grado…

Sì.

Wow. Hai imparato il tedesco solo a scuola o hai frequentato corsi speciali?

No, ho soltanto imparato a scuola parlando con i miei amici*le mie amiche.

Diresti che il tedesco è stata la lingua della tua educazione, almeno durante gli anni di scuola?

Sì, ci penso. Al liceo ho anche imparato l'inglese e il francese.

A parte l'anno scolastico in Russia, ha continuato a prendere lezioni di russo?

No.

I tuoi genitori avevano qualche riferimento alla lingua tedesca o alla Germania prima del tuo arrivo?

No, mio padre è arrivato in Germania come rifugiato contingente nel 1992 ed io e mia madre l'abbiamo poi raggiunto per riunire la famiglia.

Immaginate che ti dia un libro che puoi leggere o in russo o in tedesco, in quale lingua lo leggeresti?

Leggerebbe nella lingua originale.

D'accordo. E ora immaginate che l'autore sia bilingue e che abbia scritto il libro simultaneamente in entrambe le lingue. 

(Ride) Ora preferisco leggerlo in russo.

Bene. E si è un articolo scientifico?

Leggerebbe in tedesco.

Durante i tuoi studi hai imparato anche l'italiano e lo spagnolo. Come hai fatto?

Ho iniziato a imparare l'italiano con Babbel e poi ho passato un semestre Erasmus a Bologna, dove ho avuto contatti quasi esclusivamente con italiani*italiano. 

Oh, è interessante. Non è così facile mentre uno scambio Erasmus, incontrare studenti locali*studentesse locale perché spesso ti ritrovi nella bolla degli studenti*studentesse Erasmus.

Sì, ma ho cercato attivamente di creare legami con gli italiani*le italiane perché non mi identificavo con gli studenti Erasmus. Ma così parlavo molto l'italiano. Per quanto riguarda lo spagnolo, ho anche iniziato a impararlo con Babbel e poi ho cercato amici e coppie di lingue. 

Wow! E grazie a Babbel hai imparato anche il turco, il portoghese e il polacco.

Sì, esatto!

Ha mai avuto l'opportunità di praticare queste lingue?

Sì, ho cercato un tandem linguistico per il portoghese, ma non ci siamo incontrati spesso.

Un'autrice multilingue ha detto una volta che immagina le lingue come stanze con porte che può chiudere completamente, ma anche aprire in misura diversa, a seconda di come vuole che le lingue si influenzino. Puoi identificarti con questa immagine o la vedi in modo diverso?

È una buona metafora. Per esempio, quando sono nella stanza spagnola, comincio a pensare e sognare in quella lingua. In Italia, ho sognato in italiano. Ma le stanze sono anche legate a certi soggetti. Ho guardato molti video di scacchi in inglese e ora l'inglese è diventato la mia lingua per gli scacchi. Quando faccio attività legate agli scacchi, inizio a pensare in inglese.

Torniamo all'immagine delle porte. Puoi anche aprirle e chiuderle?

Non ho capito questa metafora.

L'italiano e lo spagnolo sono un esempio di due lingue molto simili. Per quanto mi riguarda, devo assolutamente chiudere le porte per non confondere. Ma a volte apro una porta per ottenere influenze linguistiche, per esempio per poter vedere la struttura di una lingua, ecc. Come fai tu?

Per me, sono due situazioni molto diverse. Quando parlo una lingua, le porte delle altre lingue sono completamente chiuse. Non le chiudo coscientemente, ma sono chiuse e non penso più alla struttura linguistica, ma parlo. A volte penso che una parola sia italiana, ma in realtà è spagnola. Questo succede. Ma è completamente incosciente. D'altra parte, quando non parlo, mi piace molto comparare le lingue. Questo è assolutamente cosciente.

Come va la tua vita quotidiana multilingue al momento? Che lingua parli con la tua compagna?

Parliamo spagnolo insieme. È diventato la nostra lingua di relazione.

Ok. Ma è una lingua straniera per voi due…

Sì, ma lei è più a suo agio con lo spagnolo.

E al lavoro, che lingua parli?

Tedesco e italiano perché ho un collega italiano. Parlo il 60% di tedesco e il 40% di italiano.

E che lingua parli con i tuoi genitori e fratelli e sorelle?

Noi parliamo solo russo.

Non hai ancora figli, ma potresti immaginare i tuoi figli che crescono multilingue o hai già pensato a come faresti?

Voglio parlare russo con i miei figli. Vorrei che lo imparassero.

E in ogni caso, i bambini conosceranno il vostro linguaggio di relazione…

Sì, ma la mia compagna deciderà quale lingua vuole parlare ai bambini. Ma nel mio caso, è russo, che non è legato a dove vivremo. Se non trasmetto il russo ai miei figli, nessuno lo farà. Nessuno impara il russo volontariamente.

Eppure conosco alcuni*alcune che lo fanno…

E lo parlano bene?

Non lo so. Ma in ogni caso, conosco persone che sono motivate a imparare il russo.

Io, invece, conosco persone di origine russa (seconda generazione) che vivono in Germania e hanno disimparato il russo. Non vogliono più imparare la lingua. 

Ci sono espressioni che ti mancano in qualche lingua?

Sì, ci sono sempre espressioni russe che mi mancano in altre lingue. In russo, conosco espressioni, giochi di parole, battute, che non posso dire in altre lingue.

Ti senti diverso quando parli un'altra lingua?

No, non credo che sia così.

C'è qualcosa che desideri per te o per la tua famiglia riguardo al multilinguismo o alla sua promozione, per esempio da parte della politica?

Penso che abbiamo tutte le possibilità. Viviamo in Europa. Babbel non è costoso e chiunque può imparare le lingue attraverso questo mezzo. Ci sono già abbastanza opportunità. 

Se non hai altre domande, ti ringrazio.

 

Questa intervista non è sponsorizzata da Babbel

 

#alugha

#everyoneslanguage

#doitmultilingual

 

Fonte dell'immagine: Amir Doreh via Unsplash

Ganz tolles Interview!!

Lieben Dank. Ich hoffe hier noch mehr spannende Personen mit noch spannenderen Gedanken vorstellen zu können.

More articles by this producer

Multilingualism in the cultural sector

In times of lockdown, we noticed that without culture it would be quiet, and we are all pleased that cultural institutions open again. But what about multilingualism in this field? And what does a platform like alugha have to do with it? You will find out in the article.

Into the election campaign with podcasts

On 26 September, the election for the German Bundestag will take place. This year, the election campaign is more digital than ever. And although podcasts have played a rather minor role, this format has a lot to offer. You can find out about that and what alugha has to do with it here.

Snackable linguistics: Let's start with some basics

This is the beginning of a larger journey in which we learn what linguistics actually deals with. We start with the basics and then delve a little deeper into individual (sub-)areas or work in an interdisciplinary way. You are welcome to help decide where our individual stops can be.