<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1047100852003296&ev=PageView&noscript=1" />

The reader - A voce alta - trailer italiano

Thumbnail of The reader - A voce alta - trailer italiano

La prima parte del film narra la relazione amorosa tra Michael Berg, studente quindicenne, e Hanna Schmitz, all'epoca trentaseienne, che lavora come controllore sulle linee tramviarie di Neustadt, nella Germania Ovest del 1958. I due si conoscono casualmente: Michael, tornando da scuola, si sente male a causa di un attacco di scarlattina e viene aiutato da Hanna a riprendersi e a tornare a casa. Dopo la guarigione il giovane torna dalla donna per ringraziarla ma fugge quando lei lo sorprende a spiarla mentre si cambia d'abito; alla seconda visita di Michael, la misteriosa donna riesce con un pretesto a farlo spogliare e quindi lo inizia alla sessualità. Solo al terzo incontro il ragazzo le chiederà il suo nome, incontrando iniziali resistenze da parte di lei, diffidente. I due iniziano ad incontrarsi quasi quotidianamente, nonostante alcune difficoltà: ad ogni incontro, su richiesta di Hanna, Michael legge ad alta voce un'opera letteraria, quindi consumano il loro rapporto sessuale. Quando però nel suo lavoro viene proposta per una promozione ad impiegata di ufficio, Hanna scompare e Michael non avrà più traccia di lei per anni.nnNella seconda parte del film Michael è uno studente di giurisprudenza all'università di Heidelberg e nell'ambito di un corso di specializzazione assiste nel 1966, con il suo docente, a più sedute di un processo di ex guardie delle SS nei campi di concentramento: con sorpresa riconosce Hanna tra le sei donne imputate di aver lasciato morire, durante la grande marcia di spostamento dei prigionieri dai campi, nel 1945, oltre trecento donne ebree in una chiesa, dove queste si erano rifugiate per passare la notte, successivamente avvolta dalle fiamme a causa di un bombardamento alleato. Durante il processo, viene inoltre a scoprire che la donna aveva l'abitudine, durante il suo lavoro come guardia, di costringere le prigioniere, specialmente le più deboli, a leggere per lei ad alta voce prima che venissero mandate alla camera a gas: era quindi sembrata volerle proteggere, ma infine non le risparmiava dalla loro tragica sorte. Le altre imputate inoltre, indifferenti durante il processo, accusano Hanna d'essere l'unica responsabile della strage sulla base di un documento, che la donna avrebbe redatto all'epoca come rapporto ai suoi superiori: Hanna riconosce tale responsabilità e viene perciò condannata a vita, mentre le altre ad una pena risibile. Michael sa però che ciò non poteva essere vero, in quanto, e se ne rende conto solo allora, la donna durante la loro breve relazione aveva dimostrato più volte di non saper né leggere né scrivere. Capisce tuttavia che ciò che la spinge al silenzio è la vergogna del proprio analfabetismo: Michael non lo sa, ma lo spettatore intuisce che è la stessa vergogna che l'aveva portata, anni prima, a far perdere le sue tracce dopo la promozione ad impiegata di ufficio, e forse, ancora prima, ad arruolarsi con il ruolo di sorvegliante nelle SS, per sfuggire ad una meritata promozione nelle industrie Siemens.nnPassano ancora gli anni e Michael, ormai già sposato, divorziato e padre di una figlia, ricordandosi della sua giovanile storia d'amore e conoscendo la sorte di Hanna, decide di inviarle periodicamente delle registrazioni nelle quali egli legge ad alta voce dei romanzi, come aveva fatto tanti anni prima durante la loro relazione. La donna, ormai invecchiata, si procura i testi scritti di ciò che riceve registrato a voce ed impara in questo modo a leggere e a scrivere.nnAlcuni anni dopo, un'assistente del carcere contatta Michael in quanto Hanna, prossima a uscire dal carcere, non ha contatti con altre persone se non con lui. Egli si reca a trovarla una settimana prima della scarcerazione ma alla domanda di lui, se abbia mai pensato al suo passato di carceriera e criminale di guerra, Hanna risponde con durezza: «che cosa sarebbe cambiato? i morti sono morti». Michael si irrigidisce e conclude freddamente l'incontro, senza peraltro comprendere un'altra frase pronunciata dalla donna: «...che cosa ho imparato? Ho imparato a leggere», che riassume la tragicità della sua esperienza e offre una parziale ma impietosa rilettura di sé. Il giorno prima della data prefissata Hanna si suicida nella sua cella.nnLa storia si conclude quando, nel 1995, Michael decide di raccontare alla figlia la storia della sua relazione d'amore con Hanna, che fino a quel momento aveva nascosto a tutti tranne che ad una delle prigioniere scampate da bambina all'incendio della chiesa, con la quale aveva ammesso l'effetto rovinoso della relazione che aveva avuto con Hanna, quando si era fatto ricevere da lei per rivelarle il desiderio della defunta di donare i suoi averi ai sopravvissuti dei lager.

…More

Video insights

CODE

LANGUAGE

VIEWS

SLICE

ita
Italian

0

0.0%

spa
Spanish

0

0.0%

eng
English

0

0.0%

deu
German

0

0.0%

total

0

100%

Report This Video

Thank you for helping us with your report! Please state the error you found within the video and we'll check out what's bugging you.

Wrong language played

Video was out of synch

Illegal content

Bad translation

Poor audio quality

No Sound in selected Language

"I comply with alugha's privacy policy"